lunedì 29 maggio 2017

Paris...

Buongiorno cari amici,
a Parigi vado spesso, mia figlia è li e a breve ci andrà anche mio figlio...quindi le visite si intensificheranno!

A Parigi non ci si annoia, ci sono sempre posti nuovi da scoprire, musei, monumenti, passeggiate e a questo giro avevo voglia di una "Parigi via dalla pazza folla". Quindi niente luoghi turistici, ma quelli un po' in secondo piano, ma non meno affascinanti.
Avete voglia di seguirmi?
Incominciamo con rue Cremieux, una insolita via colorata che spicca nel grigiore dei palazzi di Parigi


E' una stradina pedonale situata nel XII éme a pochi passi dalla Gare de Lyon.
La giornata in cui l'ho visitata era grigia, ma i colori delle casette hanno il potere di rallegrare l'animo.


Ogni proprietario di queste case, un po' insolite per lo standard parigino, può dipingerle allegramente  

anche aggiungendo particolari alla facciata come questo bel glicine...





oppure aggiungendo veri vasi con fiori...




o strani personaggi alle finestre.

Dopo la prima giornata uggiosa, è spuntato un bel sole e con il sole non si ha certo voglia di camminare nel traffico caotico della città.
E quindi?
Seguitemi ancora...
che ne dite di una passeggiata lungo la Senna?


 Scendete una delle tante scalette che vi portano a livello del fiume


sarete al riparo dal rumore, a contatto con la natura e passerete sotto i ponti di Parigi...


 Qui sopra l'île de St. Louis dietro Notre dame...


Sulla Senna non solo bateau Mouche carichi di turisti, ma anche les peniches, i tipici barconi per il trasporto fluviale.

Per oggi il mio tour "au calme" si conclude qui.
Nel prossimo post: Strani personaggi e percorsi tranquilli...vi aspetto



lunedì 22 maggio 2017

Tarte fine alle zucchine e feta

Buongiorno a tutti,
che sia arrivata l'estate?
Forse...ssssshhh! Non lo dico troppo forte, non si sa mai.

E con l'estate, i piatti leggeri, veloci e freschi, come questa tarte fine, scovata mentre sbirciavo su Pinterest durante il mio viaggio di ritorno da Parigi (prossimamente vi parlerò anche di quello).
Cercavo qualcosa da portare ad una cena fra amici ed essendo sempre in lotta col tempo, ho pensato fosse l'ideale.

Occorrono pochi ingredienti, ecco la ricetta di una facilità disarmante:

Tarte fine zucchine e feta

ingredienti:
un rotolo di pasta sfoglia di buona qualità (al burro)
un terzo di panetto di feta greca
due zucchine grandi
timo
miele d'acacia
sale 
olio extra v.


Incominciate affettando le zucchine in sbieco
grigliatele lasciandole al dente
conditele con olio, sale e le foglioline di timo...


srotolatre la sfoglia e appoggiate le zucchine premendole leggermente
infornate a 200° per venti minuti
estraete la torta e sbriciolate la feta.
Unite ancora qualche foglietta di timo e
infornate nuovamente fino a completa doratura della sfoglia


All'uscita dal forno condite la sfoglia con un filo sottile di miele d'acacia (non esagerate se non amate il contrasto dolce salato).
La prossima volta aggiungerò anche qualche noce spezzettata.

Buon appetito!

giovedì 4 maggio 2017

giochi per stimolare la creatività nel bambino


 Cari amici,
eccomi a voi con un nuovo post sulla creatività e su come stimolarla.
Come sapete lavoro con i bambini. Sono bambini molto piccoli dai tre ai sei anni.
Qualcuno potrebbe pensare che a quest'età i bambini non hanno molte capacità manuali e quindi non vale la pena di perdere tempo.
Niente di più sbagliato.
Già da piccolini possiamo aiutarli ad avere uno sguardo curioso sul mondo che li circonda.
Possiamo aiutarli a sviluppare la manualità fine.
E possiamo, udite, udite, aiutarli a sviluppare il famoso pensiero laterale ovvero quello che ci induce ad osservare le cose sotto aspetti diversi dal consueto e quindi a trovare soluzioni alternative ai problemi. Cosa che può rivelarsi molto utile non solo in campo artistico.

Ma tutta questa prefazione per arrivare a cosa?

al gioco creativo di oggi:

prendete una bella scatola e riempitela di ritagli di carta di qualsiasi genere.
mettete da parte giornali e riviste dalle illustrazioni stimolanti: moda, automobili, natura, elettronica, ma anche di politica (sono piene di buffe facce accigliate!)
procuratevi colla e forbici ed il gioco è fatto. Ora avete il kit del creativo! Lo potete tirare fuori nelle giornate di pioggia per divertire i bambini, ma funziona anche con gli adulti stressati.


 Il gioco consiste nel prendere i ritagli, rigirarseli fra le mani e creare, in questo caso,


degli animali. Il bello di questo lavoro creativo è che gli animali non saranno perfettamente attinenti alla realtà. Saranno strampalati e quindi mooooolto più divertenti.
Vi consiglio di investire qualche soldo in una fustellatrice per creare buchi, come quella che vedete nella foto. I buchi sono degli spazi vuoti da riempire e i cerchietti ricavati dalla fustellatrice sono altrettanto interessanti. Il gioco pieno/vuoto incuriosisce i bambini.


In questo caso con i cerchietti abbiamo realizzato il naso del gatto e l'occhio del pesce, mentre il buco ha regalato al gattino un bell'occhio lilla.

 
 Se l'impresa di trovare animali nei ritagli risultasse troppo ardua, potete sempre preparare delle sagome vuote da decorare con ghirigori, lustrini e quant'altro, come il nostro stupendo uccellino sontuosamente decorato.

Ma come vi dicevo, questo gioco non è riservato ai bambini.
Possono giocarci tutti...

Come potete vedere mi diverto pure io.
Con ritagli di carta paglia bucati a dovere ho creato questi strambi gatti.
Non serve essere bravi in disegno, serve solo guardare le cose con occhi diversi...
Provate per credere!
 

martedì 11 aprile 2017

Un giretto in Triennale

Lo avevo detto...
sulle pagine di facebook...
Volevo andare a vedere questa mostra alla Triennale di Milano





"Giro giro tondo Design for children"

Una mostra di giocattoli, libri e oggetti per bambini o ispirati al mondo dei bambini.
Volete fare un giretto con me? 

Ma prima di entrare occorre leggere questa frase di Bruno Munari!


 dopo dovete seguire il coniglio bianco di Alice...


 e troverete personaggi...


rustici robot...
 
 uomini di latta...


case di bambola anni 50...


 e giocattoli moderni...

costruzioni in legno...



 e se avete voglia potete giocare anche voi...

 come me!


 e...sorpresa!
Alla triennale c'è pure il mio libro "Solo un puntino" edito da minibombo


la visita è terminata...
Arrivederci!
La mostra ora aspetta tutti gli appassionati del mondo infantile
fino a febbraio 2018


 

giovedì 23 marzo 2017

teatrino delle ombre fai da te

Cari amici,
ci sono giornate uggiose in cui non sappiamo proprio come occupare i bambini.
Piove e non si può uscire ai giardinetti.
La Tv, cattiva Baby sitter, può andar bene per un'oretta non di più.
I giochi elettronici, sono compari della televisione.

Allora perché non realizzare un teatrino delle ombre?
Quel simpatico attrezzo dove, grazie ad una semplice lampada, potete proiettare delle figurine ritagliate nel cartoncino e raccontare mille storie.
Sviluppa la manualità e la fantasia. Si possono inventare un'infinità di personaggi e storie ed ultima, ma non trascurabile cosa, è facilissimo da costruire.

Cosa occorre?
Pochissime cose:


  • un cartone recuperato da uno scatolone (ikea). Questo misura 1mt di larghezza per 38 cm. di altezza
  • un foglio di carta forno lungo 50 cm.
  • una matita 
  • un righello
  • scotch di carta (va bene anche quello classico)
  • un taglierino (che mi sono dimenticata di inserire nella foto) 
Come procedere:
dovete ricavare una finestra nel centro del vostro cartone, quella dove andrà applicata la carta forno.
Quindi: lasciate liberi 25 cm per parte e disegnate la finestra, che dovrà essere un po' più piccola del foglio di carta forno, in modo da avere una cornice dove fissare quest'ultima.


Con il taglierino, ritagliate ed eliminate la finestra...





Voilà...





fissate con lo scotch la carta forno...



e ripiegate le alette laterali per poter far reggere in piedi il teatrino.

Se avete bambini grandi potete farvi aiutare nell'operazione di costruzione. Se invece avete solo bambini piccolini, saranno felici di poter realizzare i personaggi...





delle semplici sagome di cartoncino fissate ad uno stecco per spiedini.

 accendete un faretto dietro lo schermo e...
 si va in scena! 


"C'era una volta un temibile squalo ferocissimo che aveva sempre fame.
Stava sempre in agguato e nessun pesciolino poteva sfuggirgli!
Ma poiché era voracissimo e avrebbe mangiato qualsiasi cosa, un giorno capitò che..."

Continuate voi la storia arricchendo la vicenda di personaggi!


Note:
se non avete tanta fantasia per inventare storie, potete raccontarne una classica ritagliandone i personaggi

Se non siete abili nel disegno...fregatevene! i vostri bambini apprezzeranno di più i personaggini sbilenchi disegnati e ritagliati insieme, piuttosto che le figurine perfettine che trovate in internet.

Potete usare il teatrino a scuola per vivacizzare una lezione di storia. La scoperta dell'America raccontata con le sagome diventa sicuramente più facile da memorizzare!

potete variare le misure del teatrino come vi pare, ma non fatelo troppo piccolo. Ritagliare figurine minuscole diventa un'impresa ardua per manine alle prime armi








martedì 7 marzo 2017

Buoni propositi primaverili

Buongiorno a tutti,
ormai l'aria di primavera si sente..


Nell'aria: giornate insolitamente terse e ventose per queste latitudini...


timidi fiorellini azzurri e rosa fanno capolino nei prati...


e anche in casa fioriscono i bulbi portando un'allegra nota di colore e un aroma un po' troppo "espressivo"

Non vi viene voglia di uscire a passeggiare?
Ho incominciato ad allungare le passeggiate con Flick,  muovere un po' i muscoli dopo il torpore dell'inverno fa bene a tutt'e due.


Ma a che serve aumentare il moto se non si alleggeriscono un po' anche le ricette?
Ho voglia di portare in tavola piatti dai sapori più freschi.
Ecco quindi la mia proposta di oggi

Tagliata di pollo con pomodorini e pesto
ingredienti per una porzione:

Una bistecca di petto di pollo
una manciata di pomodorini datterini
due cucchiai di pesto al basilico (fresco o surgelato)
aromi a piacere per cuocere il pollo
olio sale e pepe q.b.

Cominciate con il cuocere la fetta di petto di pollo rosolandola in padella con gli aromi di vostra scelta...

non potevo lasciarmi sfuggire la trasformazione del cibo in illustrazione ahahahah!
lasciatela riposare in un piatto con un coperchio sopra mentre preparate il resto.
Lavate e tagliate a metà i pomodorini, salateli e passateli velocemente nella padella del pollo a fiamma alta finché appassiscono un po'.
tagliate la carne a strisce, guarnitela con i pomodori e il pesto leggermente diluito (se è denso)
et voilà!


Buon Appetito!

lunedì 20 febbraio 2017

Padellata di verdura del perditempo

Com'è tardi!
Ommamma cosa cucino?
Non ho tirato fuori nulla dal congelatore, non ho fatto la spesa e non me ne resta neanche il tempo
Che fare?

Ordinare una pizza!

Oppure se avete un po' di fortuna e una dispensa previdente potete preparare questo piatto unico.



Mi capita spesso, perdo tempo...mi distraggo, mi perdo nella lettura, nel disegno, nella pittura, nelle nuove idee per i miei laboratori, nelle chiacchiere con le amiche (e comunque non è tempo perso, ma salute guadagnata!)
Così guardo l'ora e in genere è tardissimo,
Ma poiché conosco il mio pollo, cioè me stessa, gioco d'anticipo.
Ovvero cerco di avere una dispensa ben fornita di scatolame ed erbe aromatiche, dei salumi in pezzi in frigorifero e una buona dose di verdura non troppo complicata da cucinare.

Non è proprio un piatto vegetariano, ma potete farlo diventare omettendo lo speck e sostituendolo con delle scaglie di parmigiano.

Ma veniamo alla ricetta come al solito con dosi a: come vi pare e piace

Padellata di verdure

1 scatola di ceci
due fette di speck un po' spesse tagliate a striscioline
1 spicchio d'aglio
1 cipolla o uno scalogno
1 lime (facoltativo)
timo fresco o secco
fagiolini piattoni già lessati (rimasti da una preparazione precedente)
olio evo (che non è il fratello di Eva)
sale e pepe qb

  • Rosolate aglio e cipolla con un po' di olio extra vergine
  • aggiungete i fagiolini piattoni, ma anche altra verdura avanzata e già cotta (carote, zucchine, fagiolini fini)
  • unite i pezzetti di speck e i ceci scolati e sciacquati
  • continuate a rosolare, poi unite il succo di lime e il timo e cuocete per cinque minuti
  • Voilà il gioco è fatto!
  • Ora potete servire con fette di pane abbrustolito e condito con un buon olio extravergine.


Nota:
Per la presenza dei legumi il piatto è nutrizionalmente completo, ma nulla vieta di fare aggiunte quali: un bel tagliere di formaggi, delle bruschette al pomodoro,  della focaccia ecc...

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin